La netiquette e il “Rispondi a tutti”… questo sconosciuto!

 

C’è un’annosa questione che mi impedisce sonni tranquilli: il difficile utilizzo del “rispondi a tutti” nelle conversazioni via mail.

Ieri ho scritto una mail ad un fornitore ed ho messo in copia conoscenza il cliente ed alcuni membri del mio staff. Il fornitore mi ha risposto tempestivamente, ma senza fare “rispondi a tutti”.

“Sì sarà dimenticato”, ho pensato e rispondendo alla sua mail ho rimesso in copia conoscenza il cliente ed i miei collaboratori. Il fornitore mi ha nuovamente risposto, ma, ahimè, in copia conoscenza…nessuno!

Ecco, no, non può essersi dimenticato nuovamente. Qui c’è un problema più serio!

Questo è uno dei numerosi esempi di situazioni che capitano quasi quotidianamente.

Sono tante le occasioni in cui ci succede di dover ribadire un concetto fondamentale: non c’è differenza tra la realtà reale e la realtà virtuale. Reale e virtuale sono due piazze appartenenti al nostro modo di vivere e le regole sono le stesse.

Le relazioni nelle piazze digitali seguono delle regole di “netiquette” che disciplinano la convivenze e le attività virtuali.

Wikipedia ci spiega cos’è la netiquette:

“La netiquette è un termine che unisce il vocabolo inglese network (rete) e quello di lingua francese étiquette (buona educazione). È un insieme di regole che disciplinano il comportamento di un utente di Internet nel rapportarsi agli altri utenti attraverso risorse come newsgroupmailing listforumblogreti sociali o email in genere. Il rispetto della netiquette non è imposto da alcuna legge

Il mancato rispetto della netiquette comporta una generale disapprovazione da parte degli altri utenti della Rete”

No, non c’è nessuna legge che obbliga al rispetto delle regole della netiquette; ci si appella al comune buonsenso… come nella vita reale.

E’, come sempre, una questione di conoscenza, di cultura digitale e… di alfabetizzazione digitale, appunto!

Sono certa che la difficoltà di fare “rispondi a tutti” sia data proprio da una mancanza di educazione digitale.

Ecco, allora, alcune semplici definizioni:

  • A. A come la persone a cui invio la mail. A è il campo in cui inserisco l’indirizzo email della persona alla quale invio una comunicazione e dalla quale mi aspetto una risposta.
  • CC. CC è il campo Copia Conoscenza in cui inserisco gli indirizzi delle persone che voglio seguano la conversazione. Non è necessaria una risposta da parte loro, ma è importante che seguano il flusso della conversazione, perchè ritengo che le informazioni contenute siano importanti per loro o per il loro lavoro. Nel caso in cui non volessi mostrare gli indirizzi delle persone uso CCN (copia conoscenza nascosta); in tal caso la persona che riceve la mail (A) non vedrà gli indirizzi “nascosti” e la sua risposta giungerà solo a chi ha effettivamente mandato la mail.

Personalmente ritengo l’utilizzo del campo CCN sia un comportamento errato, un po’ “ruffiano”, da non utilizzare (… se non in casi estremi, in cui le regole del buon senso sono già state abbandonate!)

Quando ricevo una mail ho tre semplici opzioni:

rispondi – reply

inoltra – forward

rispondi a tutti – reply to all

Se in una mail ci sono più persone il tasto è rispondi a tutti, non ci sono storie. Significa che il mittente  sta comunicando con una persona, ma desidera che le altre siano informate sia della domanda sia dell’eventuale risposta.

Rispondere solo al mittente non è corretto!

La Rete è un posto REALE con persone REALI e ci sono regole di buonsenso da seguire per mantenere un rapporto educato e corretto.

In particolare non dimenticate di salutare e presentarvi:  immaginate la posta elettronica, i social network e tutta la comunicazione online come una grande piazza… iniziereste una conversazione con uno che non conoscete senza presentarvi, salutare o ignorandolo?

Bene, le regole sono chiare. Ora rispettiamole… per il bene di tutti e soprattutto del nostro Staff di lavoro.

PS.: Mi appello ora agli psicologi in ascolto: “Quale è il motivo per il quale il tasto rispondi a tutti è così difficile da selezionare?”.

 

Related Posts

Leave a Comment

articologoogleplusalfaBiganziani